3310-italiano nel primo biennio con il metodo analogico | tefurma

italiano nel primo biennio con il metodo analogico

italiano nel primo biennio con il metodo analogico

Informazioni

  • Nr Max Partecipanti:
  • Competenza: Saperi & Discipline
  • Codice: EDUCSIDC0101
  • Tipologia: Aula


Destinatari

  • Docente
  • Educatori

Descrizione

Il Metodo Analogico, recupera il modo naturale di apprendere mediante metafore e analogie, intese quali chiavi di accesso privilegiate per poter sviluppare abilità e competenze.
I numerosi strumenti che si utilizzano, cardini su cui poggia l’intero approccio, alleggeriscono il carico cognitivo sia degli alunni che degli insegnanti, trasformando l’apprendimento in un gioioso viaggio di scoperta. Un esempio su tutti è costituito dallo strumento della linea del 20.
Il Metodo si applica sia alla scuola dell’infanzia che alla primaria, sia in matematica che in italiano e non solo.
Durante il corso vengono proposte attività induttive, esercizi e piccole sfide per mettere le mani in pasta … a nostro avviso il modo migliore per immergersi nella filosofia dell’approccio analogico. Sono sufficienti carta, penna e la voglia di mettersi in gioco. Vengono condivise esperienze, strategie e strumenti. Inoltre vengono rilasciati alcuni materiali utilizzabili in classe

 


OBIETTIVI


Sono obiettivi del corso:

  • Sperimentare l’incisività del metodo analogico attraverso esperienze laboratoriali induttive, confermandone la valenza.

  • Suscitare entusiasmo.

  • Promuovere il valore intrinseco degli strumenti in luogo delle tradizionali schede didattiche.

  • Sperimentare concretamente esperienze pratiche da proporre quotidianamente a scuola.

  • Scoprire l’importanza dell’approccio analogico in cui i bambini avvertono coerenza fra scuola e mondo reale.

  • Prevenire le difficoltà nello sviluppo delle abilità matematiche e al contempo propiziare un atteggiamento positivo verso la disciplina.

  • Accendere e liberare l’intelligenza numerica.

  • Promuovere l’apprendimento: una scuola del rinforzo, non del controllo.

 

FORMATORI

Meneguzzo Matteo

 

modalità: in presenza

Dove: presso i locali della parrocchia di via dei mille 18, Trieste (facilità di parcheggio)

numero massimo di partecipanti: 20

il presidente, maestro Matteo Meneguzzo


Calendario

Giorno Da ore A ore Modalità Sede
11-12-2022 09:00 13:00 aula sala parrocchiale via dei mille 18, Trieste - Trieste - sala parrocchiale c/o via dei mille 18, Trieste in corrispondenza dell'incrocio con via San Pasquale
11-12-2022 14:00 16:00 aula sala parrocchiale via dei mille 18, Trieste - Trieste - sala parrocchiale c/o via dei mille 18, Trieste in corrispondenza dell'incrocio con via San Pasquale

Location

sala parrocchiale via dei mille 18, Trieste - Trieste - sala parrocchiale c/o via dei mille 18, Trieste in corrispondenza dell'incrocio con via San Pasquale - 34142

Autore

Teacher
associazione dei formatori del metodo analogico per il Friuli Venezia Giulia

Sono il maestro Matteo Meneguzzo, classe 79. Vivo e lavoro a Trieste e sono Presidente dell'Associazione "Creatività Analogica" che ha come scopo quello di promuovere la corretta applicazione del metodo analogico scoperto dal maestro Camillo Bortolato. I nostri corsi sono organizzati secondo un approccio induttivo, per cui partiamo da esperienze concrete per poi risalire attraverso un percorso condiviso ai principi teorici che reggono il metodo. Crediamo che un approccio laboratoriale e concreto, imperniato sulla condivisione della nostra esperienza di formatori, rappresenti il modo più concreto per poter toccare con mano l'efficacia del metodo. I nostri corsi sono attivi e partecipati in quanto quanto proposto susicta spontaneamente riflessioni, interventi e partecipazioni da parte dei corsisti. Teniamo molto a creare un clima di scambio fra tutti in cui ci si possa sentire a proprio agio. Oltre agli imprecindibili materiali ufficiali, caposaldo importantissimo del metodo, proponiamo anche strategie ulteriori e strumenti originali esclusivi che sono sorti spontaneamente laddove il nostro agire in classe ha fatto emergere la necessità di promuovere ulteriormente l'apprendimento. 
Siamo specializzati soprattutto nel primo ciclo della scuola primaria, classi prima e seconda, sia in italiano che in matematica. Tale biennio incide a fondo sulla forma mentis degli alunni e sul loro approccio verso tali discipline. Stimolare un atterggiamento positivo in grado di promuovere l'apprendimento è il nostro principale obiettivo. Stiamo strutturando anche percorsi formativi per la scuola dell'infanzia e per il secondo cilo della scuola primaria per ciò che concerne la matematica.